E’ ufficiale: il 26 aprile riaprono i cinema

Condividi su

“Dimmi qualcosa che mi faccia innamorare di te!”

“Giorno 26 aprile ti porto al cinema!”

Ebbene sì! Finalmente, pare che tutti gli abitanti delle regioni in zona gialla, da martedì 26 aprile potranno tornare al cinema. Si dovranno sempre rispettare le misure di sicurezza e di distanziamento, ma finalmente, potremo accomodarci nelle poltrone (ad oggi) più desiderate d’Italia.

Il Comitato tecnico scientifico ha accettato tutte le richieste avanzate dal ministro della Cultura Dario Franceschini: si potrà arrivare ad ospitare fino a 500 persone all’interno del cinema e fino a 1000 persone in caso di cinema all’aperto (sempre tenendo conto della capienza di quest’ultimi).

Il lockdown ha realmente modificato il nostro stile di vita. Ci siamo dovuti attrezzare in ogni campo per poter sopperire alla mancanza di tante piacevoli abitudini, che ormai facevano parte della nostra vita e che in molti casi ci facevano stare bene, uno di questi, era l’appuntamento al cinema. Ci siamo attrezzati con televisori di ultima generazione, dalle dimensioni “stratosferiche”. Abbiamo attivato abbonamenti tv per vedere film e serie televisive per tutti i gusti. Abbiamo rinnovato poltrone e divani per sentirci come al cinema, ma niente di tutto questo è riuscito a farci provare quelle piacevoli sensazioni, a farci rivivere quelle belle emozioni che solo un film visto al cinema in buona compagnia, riesca a fare.

Da sempre il cinema, rientra fra i luoghi di svago più gettonati. Il luogo dove ci si distrae dopo una giornata magari pesante e dove spesso e volentieri, sono nati amori e amicizie. Il cinema è come il caffè: “una scusa per incontrare un amico”. È il luogo del primo appuntamento, del primo bacio, delle prime parole d’amore sussurrate in silenzio in quel buio con centinaia di inconsapevoli testimoni attorno.

Le riaperture dei cinema saranno davvero una boccata d’aria fresca in questo brutto periodo, saranno il primo vero segnale di ripresa e di ritorno alla “normalità”.

Cosa di bello ci attende

Minarisarà il primo film in sala il 26 aprile. Il film prodotto da Brad Pitt e candidato a sei statuette sarà il primo a uscire nelle sale italiane dopo la lunga chiusura. Uscirà nelle sale italiane il primo giorno di riapertura, proprio all’indomani della notte degli Oscar. Diretto da Lee Isaac Chung. Il film prodotto dalla Plan B di Brad Pitt è candidato in tutte le categorie più importanti, tra cui film, regia e ha già conquistato molti premi ai Golden Globe (miglior film straniero), Sundance Festival (Gran premio della giuria) e Bafta (miglior attrice non protagonista).

Ambientato negli anni 80, racconta la vita del piccolo coreano-americano David, la cui vita cambia drasticamente quando la sua famiglia si trasferisce dalla costa occidentale nel cuore dell’Arkansas rurale per inseguire il sogno lavorativo del padre Jacob, incurante delle preoccupazioni di sua moglie. Le cose si complicano quando arriva l’anziana nonna dalla Corea, i cui modi così diversi dai loro suscitano la curiosità di David e della sua sorellina.

Top Gun: Maverick. Forse il film più atteso e rimandato di questo 2021. Si tratta del sequel di Top Gun del 1986 ed è interpretato da Tom CruiseMiles TellerVal KilmerJennifer ConnellyGlen PowellJon Hamm ed Ed Harris, nel quale sia Cruise che Kilmer riprendono i loro ruoli del precedente film. Ambientato 34 anni dopo i fatti del primo film, la pellicola vede il leggendario ufficiale della Us Navy Pete “Maverick” Mitchell, nel frattempo promosso al grado di capitano di vascello, nuovo istruttore di volo della scuola di piloti “Top Gun“, fare da mentore e guida a Bradley, figlio dello scomparso compagno di volo Goose, che cerca di diventare un aviatore come il padre.

Questi sono soltanto due dei titoli più attesi, ma la verità è una sola: in questo momento, andremmo al cinema anche se ci fosse la proiezione di un documentario sulle “api regine”, perché diciamocelo: “il cinema non è un luogo, è uno stato d’animo… un’esigenza“.

E allora, buona Visione!… dal 26 aprile.


Condividi su