Alla scoperta di Cornello dei Tasso: tra storia e leggenda

Condividi su

Cornello dei Tasso è un delizioso borgo dagli scorci pittoreschi, il suo nome è legato della famiglia dei Tasso, che ha dati i natali proprio al Torquato Tasso della “Gerusalemme liberata” e che  ha avuto un ruolo importantissimo nell’istituzione e nell’organizzazione del servizio postale.

Questo meraviglioso borgo è raggiungibile solo a piedi attraverso un tratto dell’antica Via Mercatorum che, fino all’epoca seicentesca, collegava Bergamo con la Valtellina, il borgo conserva tutto il sapore e il fascino di epoche lontane, perdersi nelle sue vie è perdersi fra le pieghe del tempo e, sulla valle, il borgo è vegliato dal il Palazzo dei Tasso.

Cornello dei Tasso custodisce un tesoro, uno di quelli veri, ma niente forzieri e monte antiche, nessun Jolly Roger e storie di mare e pirati, il tesoro che questo borgo custodisce è conosciuto come “Penny Black“, ovvero il primo francobollo emesso al mondo! Il francobollo è apposto su una lettera datata 1840. Questo tesoro di valore immenso è possibile ammirarlo visitando il Museo dei Tasso e della Storia Postale, fondato nel 1991 ed fruibile gratuitamente, a meno che non si voglia una guida e allora il costo è di tre euro a visitatore.
Articolato in quattro spazi espositivi, Museo dei Tasso e della Storia Postale, offre la possibilità di approfondire e sviluppare la storia postale e della famiglia Tasso. Telefoni, telegrafi, numerosi documenti legati all’attività dei Tasso nella gestione dei servizi postali e alla storia postale, ma se ogni pietra, ogni scorcio, ogni luogo su cui gli occhi si posano è intriso di storia. Il rumore classico delle città è lontano, niente auto, niente clacson, qui le strade sono silenziose, ogni passo poggia sulla terra calcata dai Tasso, calcata di uomini e donne di un’epoca antica, che in questo luogo dove la storia la si respira e vive, lontani da noi non sembrano affatto, quasi come se “oggi” e “allora” si fondessero creando una bolla che ha nel tempo uno spazio a se stante.

Condividi su