Gratitudine: perché allenarla con un diario

Gratitudine: perché allenarla con un diario

Condividi su

Fonte foto: ritualmente.com

Sapevate che la gratitudine può essere allenata? Proprio così, esattamente come un muscolo quando si fa sport. Allenare il proprio fisico è certamente importante, ma lo è in altrettanto modo prendersi cura anche delle proprie emozioni. E non è necessario che ci accadano grandi cose per essere grati. Anzi, è l’esatto contrario. Il momento migliore per imparare ad esserlo è proprio quando ci sembra stia andando tutto male e le cose ci stiano sfuggendo di mano. Quando crediamo di non avere nulla, o comunque sempre di meno rispetto agli altri.

Del resto, nell’epoca dei social, è cosa purtroppo comune ritrovarsi a confrontare la nostra vita con quella degli altri. Quante volte vi siete ritrovati a restare a casa e scorrere le storie di Instagram dei vostri amici o dei vostri influencer preferiti? Loro sempre con decine di cose da fare e luoghi da visitare, e invece voi su un divano ad annoiarvi. Un errore che commettiamo in molti: confrontare la nostra vita con quella degli altri. Insieme a quello di dare per scontato tutto ciò che abbiamo la fortuna di avere. Senza accorgerci che invece abbiamo tutto, ma non ce ne rendiamo conto.

Fonte foto: ambikayoga.it

Il diario della gratitudine

Come fare quindi ad allenare la gratitudine? Per rispondere a questa domanda sono sufficienti due oggetti che effettivamente sono un po’ passati di moda, nell’epoca digitale. Una penna e un diario. Vi serviranno per dare vita al vostro diario della gratitudine. La buona notizia è che possiamo farlo tutti. Quella meno buona è che va aggiornato tutti i giorni e a volte, sopratutto all’inizio, potreste dimenticarvene. L’ideale è inserire quest’abitudine nelle vostre giornate. Magari al mattino prima di iniziare le vostre attività, oppure la sera prima di andare a dormire. Inoltre potete decidere di utilizzare la tecnica a voi più gradita. Un elenco puntato, uno più discorsivo o, se preferite, scegliere di scaricare una app apposita che troverete facilmente sul Play Store del vostro smartphone. Esistono poi anche dei diari della gratitudine da compilare, facilmente reperibili in libreria oppure online.

Fonte foto: slideplayer.it

I benefici

Forse non ci crederete, eppure è così. Allenare la propria gratitudine vi farà sentire molto meglio e avrà un impatto davvero potente nella vostra vita. Vi basti sapere che secondo la professoressa di psicologia californiana Sonja Lyubomirsky, la gratitudine è una caratteristica comune delle persone più felici. E allenarla ha diversi benefici. Aiuta a concentrarsi molto di più sul proprio presente, tanto per dirne uno. È poi un ottimo modo per combattere ansia, stress e solitudine, oltre ad insegnare a non confrontare mai la propria vita con quella degli altri. Aumenta le percezioni positive nei riguardi del mondo che ci circonda, accresce la nostra autostima e fa focalizzare su ciò che più ci soddisfa. Da non sottovalutare inoltre il fatto che è un ottimo modo per smettere di dare per scontato ciò che abbiamo la fortuna di avere.

Certo, le prime volte potrà risultarvi difficile riuscire ad iniziare il vostro diario. Non preoccupatevi. Non essendoci abituati è perfettamente normale. Tuttavia bisogna tenere a mente che non è necessario scrivere grandi cose. Può essere la vostra casa, il sorriso di una persona a voi cara o di uno sconosciuto, un fiore, la vostra canzone preferita. Più la cosa per cui si è grati è semplice e meglio vi sentirete. Provare per credere.

Buona scrittura allora. E grazie per aver letto questo articolo!


Condividi su