I libri dedicati all'Afghanistan

I libri per capire l’Afghanistan

Condividi su

Ecco i libri per capire l’Afghanistan: il mondo ha gli occhi puntati su ciò che sta accadendo al popolo afghano e la letteratura può aiutarci, almeno in parte, a comprendere e contestualizzare gli avvenimenti. Ma prima, cerchiamo di fare il punto della situazione.

La complessa situazione afghana

Il paese non è mai stato sede di un forte potere centrale, infatti per secoli ha visto il susseguirsi di diverse frazioni tribali che nessuno è mai riuscito a governare in modo omogeneo.

Nel 1996, nel territorio Emiro, i Talebani ospitarono le basi dell’organizzazione terroristica Al Qaeda, che assieme a Osama Bin Laden diedero il via al tragico attentato delle Twin Towers, l’ 11 settembre 2001. In seguito a quel drammatico evento, gli Stati Uniti insieme al Regno Unito, invasero l’Afghanistan ribaltando il governo talebano. 

A partire dal Governo di Obama, per poi proseguire con quello di Trump, si era già annunciato il ritiro delle truppe americane dal suolo afghano, ma è stato proprio con il presidente Biden che si è avuto l’effettivo ritorno in patria, lasciando il popolo alla violenza e alla restrizione del governo Talebano.

Ecco i 10 libri da leggere per approfondire cosa sta succedendo in Afghanistan: 

– Sul podio abbiamo la trilogia di Deborah Ellis, con Sotto il Burqa. Ci viene descritta la storia di Parvana, una ragazzina costretta a vestirsi da maschio, per poter lavorare e sfamare la propria famiglia. La storia, sebbene romanzata, è frutto delle testimonianze raccolte all’interno dei campi profughi. 

– Continuando con la Ellis abbiamo Il viaggio di Parvana. La protagonista, del precedente libro citato, la ritroviamo da sola, in seguito alla morte del padre a dover sfuggire dal governo talebano. Sola si mette alla ricerca della famiglia nei campi profughi.

In Città di Fango, infine, Deborah Ellis introduce come protagonista l’amica di Parvana, Shauzia. La ragazzina vive in un campo profughi, definito anche Città di Fango, in Pakistan. Shauzia scappa nella città di Peshawar, dove inizia a lavorare travestita da uomo. 

Il cacciatore d’aquiloni di Khaled Hosseini. Questo Bestseller mondiale parla dell’amicizia tra Amir e il domestico del padre. Il protagonista emigra negli Stati Uniti, per sfuggire alla guerra e agli orrori dell’Afghanistan, ma torna in dietro per salvare il figlio dell’amico, rinchiuso in terribile orfanotrofio. 

– Sempre di Khaled Hosseini, Mille splendidi soli. Il romanzo dedicato alle donne e a tutto ciò che hanno subito fino ai giorni nostri. 

Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda, il quale racconta il viaggio di Enaiatollah. L’autore, basatosi sulle interviste fatte al protagonista, decide di raccontare il difficile viaggio affrontato dall’Afghanistan fino all’Italia.

– Di Gino Strada possiamo leggere Pappagalli Verdi, nome di un tipo di una mina anti uomo. Racconta della vita del medico e fondatore di Emergency, che si apre su diversi scenari di guerra, tra questi presente l’Afghanistan.

L’ultimo lenzuolo bianco di Farhad Bitani, il quale racconta la sua biografia, in cui mostra il vero volto dell’Afghanistan colmo di violenza e religione usata come strumento politico.

– Per affondare le unghie nelle radici della storia del paese Emirato non può mancare Il grande gioco di Peter Hopkirk.

– Per finire Il fotografo di Emmanuel Guibert e Didier Lefèvre, il graphic novel che racconta attraverso i fumetti, il viaggio del fotoreporter Didier Lefèvre, al seguito di Medici senza frontiere nell’Afghanistan del 1986 dilaniato dalla guerra.


Condividi su