Il Castello Svevo di Termoli e il suo mare cristallino

Condividi su

Fonte Foto: tsn.ua

Con la sua straordinaria bellezza la città di Termoli, nonostante la sua esigua popolazione — solo circa 35 mila persone — è una delle perle del Molise e di tutta l’Italia. Termoli merita un’attenzione particolare non solo perché è l’unica città portuale del Molise, con le sue spiagge incontaminate e lambite da acque cristalline, ma anche per le sue antiche strade e un castello medievale sopravvissuto fino ai giorni nostri.

Fonte Foto:miramedrooms.it

Termoli è una città dalla storia antichissima. L’interessante posizione della città, a bassa pericolosità sismica, ha permesso di preservare un gran numero di vie antiche e medievali, castelli, palazzi, case e chiese. Passeggiare per la città è un piacere speciale: sembra che il tempo si sia fermato, il viandante si avvolge serenamente di una pacifica brezza mediterranea e, insieme ai baci del sole, è accompagnato oltre il tempo e lo spazio.

Diverse sono anche le storie interessanti e curiose legate a Termoli. Ad esempio, la città contende da diversi anni con un’altra località, Ripatransone, il primato della via più stretta. La via più stretta di Termoli è di circa 50 cm, e a Ripatransone è di 43 cm. Non sai andare a cavallo? Ma è abbastanza facile sfuggire ai ladri, giusto?

Fonte foto:dimoramonsignore.it

Per gli amanti della gastronomia, Termoli è un paradiso speciale. Dopotutto, un’ampia varietà di deliziosi piatti di mare conditi con il famoso olio degli ulivi molisani stupirà anche il turista enogastronomico più esigente.

Cibo gustoso, passeggiate per le strade, ma per quanto riguarda il turismo? E qui Termoli vanta lo splendore del Castello svevo, di epoca medievale, il simbolo più famoso di questa piccola cittadina italiana. Il castello fu eretto nel XIII secolo come parte di un sistema di fortificazioni costiere secondo il progetto dell’imperatore Federico II.

Un po’ di storia su questo castello maestoso:

Il castello è un’alta torre quadrata eretta su base tronco-piramidale, i cui angoli sono rinforzati da quattro torri cilindriche. L’aspetto è più fortificato dal lato del mare, perché era da qui che l’attacco dei nemici era più probabile.

Fonte Foto: quattroruote.it

Nel corso degli anni, la struttura difensiva ha subito numerosi rimaneggiamenti e ricostruzioni. E sebbene all’inizio del Novecento la rocca sia stata notevolmente fortificata, la seconda guerra mondiale ha lasciato segni indelebili sull’antico edificio, che sono stati parzialmente nascosti dai restauri.

È interessante notare che nel XVIII secolo le cantine della fortezza venivano utilizzate come prigioni e i ricercatori e restauratori d’oggigiorno hanno trovato iscrizioni e disegni realizzati da prigionieri usando il carbone sulle pareti delle antiche celle.

Nel 1902 il governo italiano riconobbe il Castello Svevo come monumento nazionale. Dal 1909, sulla piattaforma superiore del castello è operativa una stazione meteorologica navale.

La Cattedrale

Un’altra struttura interessante si trova nel centro storico sul punto più alto del promontorio, di fronte al Mar Mediterraneo: questa è la Cattedrale di Termoli. Ancora oggi gli archeologi discutono su quando fu costruita la cattedrale. Le date stimate vanno dal 10° al 12° secolo.

Fonte foto: wikipedia.com

Ebbene, le protagoniste della nostra storia saranno ovviamente le famose spiagge sabbiose di Termoli, certificate Bandiera Blu. Le spiagge della città di Termoli sono lunghe 10 km e larghe 150 metri.

La città vanta due spiagge: Rio Vivo e Sant’Antonio. Le spiagge di Termoli sono famose in tutto il mondo per la loro bellezza e morbidezza, oltre che per le fortificazioni poste direttamente lungo la costa. E il mare! Il colore turchese dell’acqua cristallina ti delizierà e desidererai anche acquistare una casa nelle vicinanze. Perché no?


Condividi su