Viaggi in solitaria: come organizzarli e dove andare

Condividi su

L’estate 2021 ha visto i viaggi di nuovo protagonisti delle nostre vacanze: finalmente, seguendo alcune norme precauzionali, è stato possibile partire per nuove avvincenti avventure. Gli italiani, complice la nuova libertà di spostamento, hanno ripreso a muoversi in lungo e in largo, in compagnia o in solitaria. Anche per questo autunno, infatti, sono previsti spostamenti per tutta Europa (Covid permettendo). Per chi dovesse ancora partire, magari da solo per cercare il meritato relax e recuperare le forze, abbiamo stilato una lista di consigli utili per le partenze in solitaria. Vediamo insieme come pianificarle e quali luoghi scegliere.

Come organizzarli

Le regole cambiano a seconda dell’esperienza del viaggiatore: se si parte per la prima volta, è sempre meglio programmare una gita breve e poco impegnativa, per testare i propri limiti in sicurezza. Anche partire per una sola giornata e visitare un’attrattiva nelle vicinanze di casa potrebbe essere una buona idea per iniziare. Quando invece si vuole osare di più, allontanandosi completamente dalla propria residenza (o addirittura cambiando Stato), si può optare per un luogo già visitato in precedenza, di cui si conoscono pregi e difetti.

La pianificazione è tutto: consulta il sito della città che scegli di visitare, appunta gli orari di apertura dei luoghi che vorresti vedere, informati sul clima e sulle distanze.

Valuta gli imprevisti: qualsiasi sia la tua meta, valuta bene i contrattempi nel quale potresti imbatterti e cerca di prevenirli. Ad esempio, se vai in un posto in cui il meteo è imprevedibile, porta gli indumenti necessari per vestirti a strati (lo so, fa tanto “consiglio della nonna”, ma funziona!), ricorda l’ombrello e le scarpe chiuse.

Porta con te soldi in contanti: pagare con carta è rapido e sicuro, ma a volte il circuito bancario va in tilt e potresti avere bisogno di acquistare qualcosa con urgenza. Tieni nel portafoglio un po’ di banconote, ma non troppe, nel caso tu possa smarrirlo.

Appunta i numeri utili e l’indirizzo di farmacia e ospedale: non vorrei sembrare un po’ macabra, ma trascrivendo i dati necessari in caso di emergenza, ti sentirai più sicuro.

Il beauty-case è un tuo grande alleato: riempi un borsellino con salviette disinfettanti, fazzoletti, farmaci (e assorbenti se sei donna), biancheria pulita e oggetti utili nel caso in cui la tua valigia non sia subito reperibile.

Se sei una donna è più difficile, ma non scoraggiarti: il sistema sociale garantisce in generale meno sicurezza alle donne, ma questo non deve impedirci di fare ciò che desideriamo. Nel caso ne avessi bisogno, puoi usufruire di diversi servizi (come quello di car sharing dedicato) che ti daranno la possibilità di viaggiare in sicurezza.

Dove andare

Dubai, per rilassarsi: Spa extralusso, corsi fitness e di yoga, vie del benessere. Qui sarà possibile godere la meritata pace, per una vacanza pigra.

Toscana, per non rinunciare al gusto: Questa stupenda regione gode di un clima mite per una buona parte dell’anno, e tra le sue vigne vengono spesso organizzati dei percorsi di degustazione di vini e prodotti locali, in abbinamento al pernottamento nei suoi favolosi B&B in campagna.

La Francia, per ammirare l’arte: Il Louvre, la Gioconda, la Tour Eiffel… devo aggiungere altro?

Il Giappone, per sentirsi al sicuro: cultura millenaria e tecnologia ultramoderna si mescolano perfettamente in questo paese. Tuttavia, la meta è conosciuta anche per la sua società ordinata e la bassissima percentuale di crimini.

 


Condividi su