Cinque curiosità su Billie Joe Armstrong

Condividi su

Billie Joe Armstrong è il leader e chitarrista del complesso pop rock dei Green Day. È nato ad Oakland in California il 17 febbraio 1972. All’età di cinque anni registra una canzone dal titolo “Look for love”; a quindici anni insieme ad alcuni amici fonda il gruppo Sweet children ed il  giorno prima del suo 18° compleanno si ritira dal liceo e cambia il nome del gruppo in Green day e parte per il primo tour statunitense. Successivamente Armstrong decide di abbandonare il complesso e di proseguire gli studi. Intanto i Green Day con Dookie nel 1994 diventano una delle icone pop rock e punk rock degli anni Novanta e Duemila.

 

Armstrong nel 2013 pubblica un album solista con Norah Jones e poi riprende la carriera con i Green Day, che dopo trent’anni di successi, sono ancora sulla cresta dell’onda e nel 2020 pubblicano l’album “Father of all”.

Su Billie Joe Armstrong si possono raccontare tantissime curiosità; qui ve ne segnaliamo alcune. Le sapevate?

1. Billie ha origini italiane

Billie Joe ha delle lontane origine italiane; infatti suoi trisnonni erano nativi di Viggiano, in provincia di Potenza, ma verso la metà dell’Ottocento emigrarono in California. Per queste radici gli è stata conferita dal comune di Viggiano la cittadinanza onoraria nel 2018.

2. Il soprannome

Billie Joe viene soprannominato “two dollar bill”, perchè durante gli anni di liceo spacciava spinelli di marijuana per due dollari l’uno.

3. Frankestein

Billie chiama la sua chitarra “Frankestein”, perché è fatta con pezzi di altre chitarre.

Fonte foto: the-area51.com

4. Odia gli Spliknot

Billie Joe odia gli Spliknot, sostenendo che le maschere che indossano sono da “fottuti ritardati”, Infatti una volta Billie vide un fan che indossava una maschera ad un loro concerto e con tono di disprezzo affermò: “Non siamo mica i fottuti Spliknot, coglione!”.

5. Dichiarazione di bisessualità

In un’intervista alla rivista “The advocate” del 1995 Billie Joe Armstrong si è dichiarato bisessuale.

«Penso di essere bisessuale da sempre. Penso che tutti noi, comunque, fantastichiamo anche su persone del nostro stesso sesso. Credo che le persone nascano tutte bisessuali, e che questo orientamento venga poi eliminato durante la nostra crescita per via dell’educazione che riceviamo e per la società»

Ad ogni concerto, prima del suo inizio, bacia un ragazzo.

 


Condividi su