Barilla

Barilla celebra i Maneskin

Condividi su

Il 2021 possiamo dire che è stato (per chi leggerà l’articolo a posteriori) l’anno dell’Italia: vittorie tricolore praticamente ovunque! Basti ricordare l’Eurovision, gli Europei, gli ori alle Olimpiadi di Tokyo e gli ultimi European Music Awards (EMA) di MTV. In particolare, questi ultimi hanno visto i Maneskin salire sul podio, e questo è “costato” l’omaggio della Barilla, che ha creato… i Ziti e buoni.

Barilla

 

Ziti e buoni!

La Barilla ha ben pensato di celebrare la vittoria della band romana ideando la propria interpretazione personale di uno dei brani che hanno avuto maggiore successo, ossia ZITTI E BUONI. Un brano che, tra l’altro, ha portato i Maneskin alla vittoria di Sanremo. Così, dunque, sono “nati” i ziti e buoni.

Gli ziti, che per via del loro nome si sono prestati benissimo per questo tipo di reinterpretazione stilistica, sono un tipo di pasta lunga, imparentati (se così vogliamo dire) con i bucatini, ma con la differenza di avere un diametro maggiore, e quindi una cavità più grande. C’è tuttavia una particolarità di questa pasta, o almeno così sembra essere: infatti, secondo un simpatico video di Casa Surace, gli ziti diventano “pasta corta” di domenica.

In che senso?” è lecito chiedersi con la stessa espressione di Carlo Verdone nei panni di Mimmo in Bianco, Rosso e Verdone. Ebbene, nonostante sia stata concepita come pasta lunga, è consuetudine spezzarla in quattro parti.

“E fu subito meme”

Quello della Barilla possiamo definirlo a tutti gli effetti un meme. Un contenuto che si diffonde nel web con una certa rapidità a tal punto da diventare assai popolare, e questo per via di quel pizzico di umorismo che vi è stato inserito.

Infatti, l’accostamento dello zito al brano dei Maneskin è stato sicuramente ben pensato anche per essere propagato alla velocità della luce nel minor tempo possibile. D’altronde, è anche così che funziona la pubblicità, sia se vuoi farti conoscere, sia se vuoi mantenere alta la tua popolarità.


Condividi su