Il coniglio all'ischitana: una ricetta prelibata

Il coniglio all’ischitana: una ricetta prelibata

Condividi su

Il coniglio è una delle tante ricette della cucina campana, e più precisamente dell’Isola d’Ischia.

La storia racconta che durante il regno degli Angioini a Napoli venivano allevati con cura tantissimi conigli e proprio per questo motivo l’isola divenne, per volere del re, molto popolata da questi animali. Ovviamente in quel periodo anche le tecniche d’allevamento si raffinarono ed ancora oggi, come allora, i conigli vengono allevati in fosse profonde circa due metri, in modo che possano sentirsi liberi di scavare cunicoli e muoversi nella terra. Ciò rende la carne del coniglio più morbida e saporita.

La ricetta

Ad Ischia il coniglio è sicuramente il piatto tipico per eccellenza, ma come giusto che sia non viene preparato solo sull’isola verde. La ricetta originale prevede la cottura del coniglio in un tegame di terracotta con aglio, olio, vino bianco, sale e pomodorini del Piennolo, insaporito dalle spezie come salvia e rosmarino. Il sugo, spesso, viene usato per condire la pasta, solitamente i bucatini.

Di seguito gli ingredienti per 4 persone:

1 coniglio

Pomodori del Piennolo

Olio extravergine d’oliva

Aglio

Sale q.b.

Rosmarino

Salvia

Vino bianco

400 gr di Bucatini

Far rosolare il coniglio con olio, aglio, rosmarino e salvia in un tegame in terracotta. Una volta rosolato aggiungere due bicchieri di vino bianco e lasciar cuocere per bene, portando il tutto ad evaporazione. Togliere i rametti di salvia e rosmarino ed aggiungere i pomodorini lavati e tagliati a metà, insieme al sale. Quando il pomodoro sarà cotto, aggiungere di nuovo le spezie e togliere il coniglio. Nel frattempo portare l’acqua ad ebollizione e calare la pasta che più si preferisce. Una volta che questa sarà al dente, far saltare in padella e servire ancora caldi.


Condividi su