Contemporanei e scintillanti: il nuovo album degli Imagine Dragons

Condividi su

Ci sono dei ragazzi di Las Vegas che da diversi anni occupano una posizione privilegiata nelle colonne sonore dei nostri ricordi o nei sottofondi delle chiacchierate con gli amici. Si tratta degli Imagine Dragons, band statunitense formatasi nel 2008. Come spesso accade per la costituzione delle band, la conoscenza di alcuni dei componenti inizia all’Università dove il cantante Dan Reynolds e il batterista Andrew Tolman iniziano a frequentarsi anche musicalmente. Il primo lavoro che gli ha conferito notorietà è Night Visions, album uscito nel 2012, seguito nel 2015 da Smoke and Mirrors. Quest’ultimo rispetto al precedente contiene suoni sperimentali che condurranno la band al terzo disco che già dal titolo rende l’idea del percorso di cresciuta compiuto dagli Imagine: Evolve, datato 2017.  

Nel 2018 viene poi pubblicato Origins con l’uscita di alcuni singoli. Lo stile del gruppo è definito alternative rock, poiché si tratta di rock contaminato da elettronica, dance pop. Il passaggio verso l’utilizzo di una strumentazione più elettronica è avvenuto negli ultimi anni portando gli esperti a definirli come gruppo “elettropop”. Le sonorità del gruppo inizialmente erano molto simili a quelle dei Coldplay ma con le contaminazioni di cui appena detto. Qualche giorno fa, a 3 anni dall’uscita dell’ultimo disco, gli Imagine Dragons hanno comunicato ai loro fan l’uscita di un nuovo album programmata per il 3 settembre e intitolato “Mercury – Act 1”. Il disco, che è stato anticipato dai singoli Follow You e Cutthroat, arrivati dopo un periodo difficile per la band sia per vicende personali dei componenti sia per la situazione pandemica. Di prossima uscita è un altro singolo dell’album, Wrecked. Il titolo dell’album fa supporre già un disco in due parti (atto uno e atto due).

Con 40 milioni di album e oltre 50 milioni di brani venduti nel mondo, sommati agli oltre 60 miliardi di stream, gli Imagine Dragons sono indubbiamente tra le band di maggior successo degli ultimi dieci anni. Attendiamo con ansia le nuove uscite.


Condividi su