Martha Gellhorn, una vita al fronte

Martha Gellhorn, una vita al fronte

Condividi su

Nata a Saint Louis nel 1908 divenne una  delle più grandi inviate di guerra del XX secolo. Per sessant’anni scrisse di guerra. Volle farlo non restando al sicuro in un ufficio né nelle retrovie. Martha Gellhorn scelse di dedicare la sua vita a inseguire le notizie là dove si stavano verificando e a raccontarle così come le vedeva, senza alcuna edulcorazione.

Martha Gellhorn, una vita al fronte

Fonte foto: generazionemagazine.it

La famiglia

Quella di Martha  era una solida famiglia borghese e progressista di origini ebraiche che volle per lei un’istruzione molto moderna per l’epoca. A 19 anni abbandonò la scuola per iniziare la sua carriera di giornalista. I suoi primi articoli a carattere locale apparvero sul quotidiano The New Republic. Il suo sogno era, però, diventare corrispondente estera e così a 22 anni andò a Parigi e collaborò con la United Press Bureau. Nel suo primo libro, What Mad Pursuit uscito nel 1934, raccontò la sua attività nel movimento pacifista europeo.

Martha Gellhorn, una vita al fronte

Fonte foto: bonculture.it

La Grande Depressione

Tornata negli Usa fu incaricata di scrivere dei rapporti per la Federal Emergency Relief Administration su quanto la Grande Depressione stava impattando sulla popolazione. Descrisse la miseria, la fame, la prostituzione delle bambine, lo sfruttamento del lavoro minorile, le condizioni igienico sanitarie in cui buona parte della popolazione si trovava a vivere. Per Martha fu una esperienza molto dura dalla quale ottenne grandi insegnamenti di vita e di scrittura. Ne trasse anche una raccolta di racconti: The Trouble I’ve Seen che uscì nel 1936.

Martha Gellhorn, una vita al fronte

Fonte foto: iodonna.it

Una grande amicizia

Eleanor Roosevelt, moglie del Presidente degli Stati Uniti, ebbe modo di leggere quei rapporti e di apprezzare molto l’impegno e l’onestà intellettuale con cui erano stati stilati. Volle conoscerla e nacque tra le due donne una grande amicizia che durò per tutta la loro vita. Moltissime sono le lettere che stanno a testimoniarlo ricche di profonde riflessioni. Ad esempio, Martha scrisse ad Eleanor:

«È un vero e proprio lavoro, essere donna, non è così? Non puoi semplicemente fare il tuo lavoro in pace perché allora sei un’egoista. Devi sempre fare due cose contemporaneamente.»

Martha Gellhorn, una vita al fronte

Fonte foto: townandcountrymag.com

Un marito ingombrante

A Natale 1936 Martha conobbe  Ernest Hemingway. Lui era già molto famoso.  Parlarono della loro comune passione per il giornalismo e decisero di partire assieme per la Spagna dove era in corso la Guerra Civile. Entrambi ne scrissero ma lui si pose sempre al centro delle sue narrazioni mentre Martha raccontava i fatti per quello che erano.

Andò a vivere a Cuba con  Hemingway e lo sposò nel 1940, ma non era nata per accudire un uomo e vivere nella sua ombra.

Martha Gellhorn, una vita al fronte

Fonte foto: bonculture.it

Il suo modo di intendere il giornalismo

Quello che Martha voleva era comunicare, attraverso i suoi articoli, tutto quello che si svolgeva sotto ai suoi occhi tanto in prima linea quanto nelle retrovie e, soprattutto, tra la popolazione civile.

Scriveva a Ealeanor Roosvelt:

«Forse perché sono una donna non riesco a non vedere la storia dal punto di vista della gente comune».

Martha Gellhorn, una vita al fronte

Fonte foto: corriere.it

La rabbia

Quando in Europa esplose il secondo conflitto mondiale Martha non potè restare tranquilla a casa. Scrisse al marito:

“Devo vivere a modo mio, non solo a modo tuo, o non ci sarebbe nessuna me per amarti. Non ti piacerei davvero, se costruissi un bel muro alto di pietra intorno alla finca e mi mettessi lì seduta”.

Hemingway non la prese bene: la colpì là dove sapeva di farle più male, il lavoro, la sua ragione di vita. Avrebbe potuto scegliere qualsiasi giornale ma ottenne di essere lui l’inviato ufficiale della rivista Collier’s, al posto di Martha. Per lei non era previsto più nessun ruolo.

Martha Gellhorn, una vita al fronte

Fonte foto: news.wgcu.org

L’orgoglio

Martha non si arrese. Era una donna forte e orgogliosa. Aveva sempre deciso lei come doveva vivere  e riuscì comunque a riprendersi il suo lavoro e a farlo meglio di lui e di molti altri colleghi maschi. Sarà la sola inviata di guerra donna, per dire, ad arrivare in Normandia e ne fu talmente entusiasta da affermare:

“Se ne scriverà per cent’anni e chiunque l’abbia vista non potrà mai dimenticarla”.

Martha Gellhorn, una vita al fronte

Fonte foto: liberidivolare.forumfree.it

Una vita quasi normale

Si può, forse, dire che ciò che segnò in modo irrimediabile la vita di Martha fu l’ingresso, nel 1945, a Dachau. Ciò che vide la scosse nel profondo e, credo, modificò completamente il suo modo di vedere le cose. Decise di stare lontana dal fronte e cercò di ricostruirsi quella vita normale che non aveva mai avuto. Adottò un bambino ma la maternità si rivelò un peso troppo grande per una donna che non aveva saputo mai mantenere forti legami personali.

Martha Gellhorn, una vita al fronte

Fonte foto: dirkdeklein.net

Di nuovo sul fronte

Allo scoppio della guerra in Vietnam sentì di non potersi sottrarre alla sua missione. Disse:

«Non avrei mai scelto di avvicinarmi ancora a una guerra se il mio Paese non avesse cominciato, misteriosamente, a condurne una non dichiarata».

Partì e quello che vide era ben diverso da quello che volevano far credere in Patria. Capì gli interessi economici in gioco e ne rimase disgustata. Scrisse tutto sulle pagine del The Guardian. Le costò la possibilità di tornare in Vietnam per nove anni. Il governo americano non aveva decisamente gradito.

Martha Gellhorn, una vita al fronte

Fonte foto: ebay.com

Fino alla fine

Continuò a occuparsi di questioni politiche e sociali fino a quando la malattia che l’aveva resa quasi cieca non glielo impedì.  Aveva novant’anni ma era ancora salda nella sua filosofia;

«Nessuno può impedire a una donna di vivere la sua vita».

Anche in quell’occasione decise lei come doveva andare: abbandonò la vita che ormai le riservava solo invalidità e dolore.

Martha Gellhorn, una vita al fronte

Fonte foto: pinterest.it

Indubbiamente Martha è stata una grandissima giornalista ma, mi chiedo, quanto abbia sofferto. Lei sosteneva che nella vita bisogna sempre pagare il prezzo per tutto quanto si ottiene  e lei pagò caro ogni centimetro conquistato. Soprattutto nel suo essere semplicemente donna.


Condividi su