L’intramontabile fascino di Lodi

Condividi su

Il Paradiso terrestre per gli amanti delle forme, che siano degli edifici o delle opere d’arte, e della cultura, che ha permeato le mura e le strade della città. Lodi è un incredibile mix tra arte, storia, architettura… Ha davvero di tutto e possiede quel fascino antico e intramontabile che riesce a stregare in modo singolare anche l’animo meno estetico del pianeta.

Lodi si trova nella bassa Lombardia, zona che spesso viene chiamata semplicemente “la Bassa” in dialetto, ovvero nella striscia di Pianura Padana adiacente al Po, quella più vicina al confine con l’Emilia-Romagna. Si trova in una posizione strategica, in mezzo a Milano, Pavia, Cremona e Piacenza.

Storia

Le origini della città risalgono all’epoca romana, quando era solo un borgo, ma rivestiva già una discreta importanza come centro abitato e per gli scambi commerciali. A quel tempo si chiamava Laus Pompeia, oggi invece si chiama Lodi Vecchio, che è proprio un comune a 9 km da Lodi.

Venne dominata dai Longobardi e dai Franchi, ma proprio a causa della sua posizione invidiabile, fece da teatro a numerose battaglie contro Milano, in cui la città venne distrutta quasi completamente. Fu rifondata e ricostruita nel Medioevo dall’imperatore Federico Barbarossa.

Con gli spagnoli che invasero anche il lodigiano dal Cinquecento in poi ci fu un periodo di decadenza, mentre quando arrivarono gli austriaci la città visse un periodo di prosperità, espansione e rinnovamento strutturale.

Da sempre attorniata da sterminati campi, l’agricoltura e l’allevamento sono stati – e sono ancora oggi – settori importantissimi, a cui poi si è aggiunto anche quello dell’artigianato e del turismo, grazie anche alla sua varietà e ricchezza artistica che ha acquisito nei secoli.

Architettura

Primeggia lo stile romanico in tutta la città, dalle chiese ai palazzi, abitati nel tempo da ricche e potenti famiglie. Tra questi, partendo dalla Piazza Vittoria che è il cuore del centro, troviamo la sede del Municipio presso il Palazzo del Broletto, antica costruzione cittadina che comprende anche un cortile, in questo caso con al centro una meravigliosa fontana.

Sulla piazza si affaccia anche la Cattedrale (o Duomo), dalla facciata visibilmente romanica, con l’ampio rosone, completamente restaurata a metà del secolo scorso. Sempre nei pressi della Piazza si può visitare il magnifico Tempio Civico dell’Incoronata, considerato un vero e proprio capolavoro del Rinascimento lombardo, che con la sua pianta ottagonale è l’edificio più prestigioso della città.

È possibile ammirare dall’esterno il Castello Visconteo, che fece da fortezza difensiva insieme alle mura, e che oggi è la sede della Questura, pertanto non visitabile internamente. Ci sono però talmente tanti edifici e chiese in città ricche di storia e bellezze che non ne risentirete!

Arte

Oltre a ciò che potrete contemplare dall’esterno degli edifici (perchè siamo tutti d’accordo che l’architettura è già arte di per sè) all’interno di essi troverete certamente opere che vi lasceranno a bocca aperta. Da Lodi sono transitati artisti che hanno lasciato il segno, dalla pittura, alla scultura, all’incisione e tante altre discipline, tra cui il famosissimo Donato Bramante.

Inoltre Lodi è famosa per le sue lavorazioni in ferro battuto, e ancor di più per la sua produzione di ceramica artistica, le cui prime testimonianze risalgono al XV secolo. In epoca industriale, l’attività conobbe una decisa espansione, divenendo simbolo della città; sulla ceramica vengono ancora oggi proposti disegni floreali, paesaggi cittadini, nature morte, scene popolari e motivi fantasiosi.

Gastronomia

Come ben sappiamo anche la cucina è una forma d’arte, soprattutto in Italia, perciò se vi fermate a Lodi e dintorni anche solo per una gita veloce, dovete assaggiare le tipicità del territorio. I prodotti caseari regnano, e il Grana Padano DOP è il Re indiscusso, ma anche il mascarpone e il pannerone (di solito nel risotto insieme alla zucca) sono due formaggi davvero tipici. Anche i salumi, soprattutto di maiale, fanno parte delle grandi bontà locali.

Per quanto riguarda i dolci ecco qualche nome che vi incuriosirà: Tortionata Pat (torta a base di mandorle), Amaretti Fanfullini, Baciotti di Lodi… Il tutto innaffiato da un buon bicchiere di San Colombano.


Condividi su