I piatti tipici delle Marche: ecco la nostra top 5

I piatti tipici delle Marche: ecco la nostra top 5

Condividi su

Grazie alla sua conformazione particolare, un paesaggio montuoso affacciato sul mare, la regione Marche vanta piatti tipici di ogni genere: dal vincisgrassi al brodetto, dal prosciutto di Carpegna alla Casciotta d’Urbino. Oggi vi proponiamo la nostra top 5 dei piatti marchigiani; vi garantiamo che, solo a leggerne la descrizione, vi verrà l’acquolina in bocca.

Ciauscolo

Avete mai desiderato assaggiare un salame dalla consistenza così morbida da poterlo spalmare su pane e crostini, per assaporare ogni sfumatura di gusto di un insaccato così saporito? Ebbene, con il ciauscolo il vostro desiderio si trasformerà in realtà! Un po’ come la famosa ‘Nduja calabrese, infatti, il ciauscolo è un salame tenero a base di carne suina, vino bianco, aglio e pepe. Al contrario della ‘Nduja, però, non contiene peperoncino, e ha invece un sapore molto delicato. Il modo migliore per gustarlo è spalmato su fette calde di pane casareccio, oppure in un tagliere di affettati misti, che in questa regione, vista la gran varietà di prodotti tipici, vale proprio la pena di assaggiare.

I piatti tipici delle Marche: ecco la nostra top 5

Fonte foto: mangiarebuono.it

Olive ascolane

Le Marche si possono considerare la patria del finger food, visto che offrono numerosi piatti da assaporare in punta di dita come antipasto, accompagnati dagli ottimi vini della zona. Tra questi, le olive ascolane sono un must della regione. Si preparano adoperando l’oliva tenera ascolana, grande e dal caratteristico gusto amarognolo, che vien farcita con carne di manzo e maiale, impanata e fritta. L’ingegno marchigiano è sempre in movimento, tuttavia, per cui è possibile trovare questo piatto appetitoso in numerose varianti, ad esempio con la farcitura al ciauscolo, al tartufo, al salmone oppure nella versione vegetariana.

Crema fritta

Che faccia parte del Fritto Misto all’ascolana (un insieme a olive, carciofi, salvia, zucchine e costolette di agnello) o sia gustato da solo come stuzzichino o dolce, questo piatto è in ogni caso squisito. È composto da crema pasticcera aromatizzata con anice e fritta ed è un finger food a cui non si può resistere, morbido all’interno e croccante fuori; siamo certi che finirete il primo piatto in un battibaleno e ne ordinerete subito un secondo.

I piatti tipici delle Marche: ecco la nostra top 5

Fonte foto: cibo360.it

Crescia

Dopo tanti piatti saporiti, e forse un po’ pesanti, è il caso di concentrarsi su un una ricetta più leggera, e allora non si può fare a meno di citare la Crescia, che nelle Marche è quasi un sostituto del pane. È simile a una focaccia o una piadina, e viene preparata in modo diverso a seconda della zona: in provincia di Pesaro è in versione sfogliata ed è composta da farina, acqua, uova e strutto, mentre in quella di Urbino è preparata con la farina di granoturco.

Per non esagerare con le calorie vi consigliamo di assaggiarla ripiena di erbette di campo ripassate in padella, altrimenti potete consumarla farcita con formaggi, bresaola o con l’immancabile ciauscolo.

Vino cotto

Le Marche vantano diversi dolci tipici, ma il vino cotto è senza alcun dubbio uno dei più particolari e gustosi. La base è data dal mosto di uva bianca e rossa, che viene bollito lentamente e poi fatto fermentare in caratelli di rovere. Il risultato di questa preparazione laboriosa viene adoperato per realizzare biscotti, il Bostrengo (dolce tipico natalizio) e i sughitti di Montecassiano, dei dolci leggeri a base di mosto, farina di mais gherigli di noce.

Noi abbiamo assaggiato il vino cotto sotto forma di ciambelline dolci e vi assicuriamo che è una vera delizia.


Condividi su